Pirhua

Antropologia della dipendenza: il lavoro e la costituzione dell'essere umano

Repositorio Dspace

 

Antropologia della dipendenza: il lavoro e la costituzione dell'essere umano

Artículo. Publicado 2007.

Aristoteles -- Crítica e interpretación Antropología filosófica Trabajo -- Filosofía

Resumen

A partire della nozione moderna di homo faber in diversi autori, si critica la definizione economicista del lavoro e la figura del animal laborans sviluppata da Hannah Arendt e seguita da Dominique Méda. Il lavoro viene inteso senza nessuna dimensione antropologica. In alternativa si offre una nozione di lavoro radicata sull’uomo, ma che si allontana da gli umanesimi moderni, perché parte dell’antropologia della dipendenza, che secondo Alasdair MacIntyre, rivela un uomo non-autarchico, ma vulnerabile e bisognoso di cura. Allo stesso tempo, questa condizione esige tutta una gamma di attività corporali –lavori manuali–, che sono intrinsecamente umani, perché manifestano ragione e libertà. Il lavoro si può definire come poiesis aristotelica, ma non come una dimensione isolata ma in connessione con la ragione teorica e con le virtù. Il lavoro rivela una razionalità pratica. Tra i diversi lavori, quelli manuali e anche domestici possono ridare alla società tecnologica un rostro più umano, perché, grazie al care che li caratterizza, arricchiscono le relazioni interpersonali.

Acerca del trabajo

 
 
 
 

Este ítem aparece en la(s) siguiente(s) colección(ones)

Creative Commons Atribución-NoComercial-SinDerivadas 2.5 Perú Excepto si se señala otra cosa, la licencia del ítem se describe como Creative Commons Atribución-NoComercial-SinDerivadas 2.5 Perú

Buscar en Pirhua

Guías y tutoriales

Consulta los manuales para citar, publicar o buscar contenido en nuestro Repositorio Institucional

Catálogo general

Accede a nuestro catálogo para buscar en nuestra Biblioteca Central.

Mi cuenta